Il nostro sito usa cookie per offrire una migliore fruibilità di navigazione inclusi cookie "terze parti" e di profilazione per sottoporti contenuti in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui . Se prosegui nella navigazione sul sito acconsenti all'uso dei cookie.
29 ott 2012

“800 milioni per avvelenare il cancro” Menarini firma un accordo plurimilionario nell’oncologia del terzo millennio

Menarini

Oxford BioTherapeutics

Firenze, 29 Ottobre 2012

Avvicinare le cellule tumorali con “anticorpi armati” che le individuano in mezzo a quelle sane, e le avvelenano grazie ad una tossina; oppure le “stringono in un abbraccio mortale”. Questo l’oggetto del contratto di Ricerca e Sviluppo congiunto tra Menarini e Oxford Bio Therapeutics, società internazionale leader nel settore delle biotecnologie, focalizzata sullo sviluppo di farmaci innovativi in ambito oncologico.

L’accordo prevede lo sviluppo e la successiva commercializzazione di cinque farmaci, ciascuno dei quali si indirizzerà a diverse tipologie tumorali attraverso un meccanismo di azione innovativo. Gli investimenti previsti sfiorano gli 800 milioni di euro in un arco di tempo pluriennale.

Si tratta di un progetto ambizioso e a lungo termine, che conferma la nostra filosofia: investire sul futuro e credere che sia ancora possibile, in Italia, fare ricerca di altissimo livello – spiega Lucia Aleotti, vicepresidente di Menarini. “La ricerca per un nuovo farmaco è ad alto rischio di fallimento e dura mediamente 10-12 anni. Noi non vedremo i risultati di questo progetto prima del 2022, sempre che tutto vada bene”. Aleotti coglie l’occasione per lanciare un nuovo appello al Governo: “Le leggi varate finora nel farmaceutico penalizzano le imprese che fanno innovazione a beneficio di chi fa imitazione. Abbiamo bisogno che questo trend si inverta per poter continuare a sostenere investimenti di questo livello, per il bene dei pazienti e lo sviluppo del Paese”.

In particolare, Oxford Bio Therapeutics collaborerà con Menarini Biotech, centro per le biotecnologie in grado di sviluppare un farmaco biologico a partire dalla scala di laboratorio, passando dalla scala pilota, fino alla produzione su scala industriale.

Andrew Slade, Presidente di Menarini Biotech: “E’ un’eccezionale opportunità per un’azienda italiana come Menarini, puntare allo sviluppo di farmaci oncologici utilizzando le più innovative tecnologie in combinazione con la profonda esperienza che abbiamo acquisito nel tempo sia in campo biotecnologico che oncologico. Nel nostro team c’è un’incredibile determinazione e tenacia nel promuovere la ricerca di nuove terapie per gravi patologie attualmente senza cure, e questo accordo è un concreto esempio di ricerca di frontiera”.

About Menarini Group

Menarini è un’azienda farmaceutica internazionale con un fatturato di oltre 3 miliardi di Euro, 17a in Europa e 34a nel mondo (IMS world review 2011 ). E’ presente con i propri prodotti in oltre 100 Paesi, in Europa, Asia, Africa, Australia ed America Latina e con un numero di dipendenti che supera le 15.000 unità. Menarini fu fondata 125 anni fa e oggi è presente nelle principali aree terapeutiche con un focus particolare sui prodotti respiratori, cardiovascolari, gastroenterologici, oncologici, prodotti per il metabolismo, antibiotici, farmaci usati in diabetologia, agenti antinfiammatori ed analgesici. Menarini ha, da sempre, perseguito due direttrici strategiche: la Ricerca e l’Internazionalizzazione, ed entrambe stanno portando ottimi risultati nel mercato mondiale e consentono all'azienda di investire nella ricerca di farmaci innovativi, mettendoli a disposizione dei pazienti di tutto il mondo.

Per ulteriori informazioni Ufficio Stampa Gruppo Menarini

MENARINI PILLS OF ART

Su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali Leggi tutto »